Isola d'Elba

settembre 2005

Stare anche oggi senza acqua dopo il week-end appena trascorso è stato davvero difficile!!
Di cose da raccontare ce ne sono davvero tante!! Proverò a fare un breve riassunto… tanto per far assaporare a tutti voi il clima!!!
Sono arrivata giovedì sera all’Elba dopo un viaggio tanto desiderato e tanto voluto!!! La smania di acqua saliva a mano a mano che ci avvicinavamo all’isola. Mentre salivo sul traghetto… all’ultimo secondo, il cuore ha cominciato a battere all’impazzata!!
Arrivata in albergo mi sono subito resa conto del clima che c’era!! Erano tutti nelle mie stesse condizioni! Tutti vogliosi di entrare in acqua e di passare un po’ di ore di sano “su e giù” assieme!!
Finalmente venerdì mattina briefing!! Riccardo Mazzi e Umberto ci danno le direttive sul da farsi in acqua! Istruttori e allievi sono pronti per partire…
Prima nota di colore…. Umberto per 4 mesi aveva sollecitato gli organizzatori a preparare un foglio in cui tutti coloro che volevano entrare in acqua dovevano auto-certificare di essere in possesso di un brevetto di apnea almeno di 1°livello e di certificato medico agonistico.
Anche Umberto ha firmato quel foglio, solo che sul suo c’era una piccola aggiunta!!
Ha infatti dichiarato di essere frocio e di sollevare l’organizzatore da qualsiasi responsabilità per il suo eventuale comportamento compromettente nei confronti dei partecipanti di sesso maschile che avrebbe voluto farsi… non vi racconto la reazione quando gli è stato fatto notare quello che aveva firmato!!
Io ovviamente non ho potuto insistere… visto che ero stata io a fargli firmare il tutto!! Di pagare il gelato a tutti non ne avevo la minima intenzione!!! Hi hi hi hi hi !!!
Finalmente arriviamo in spiaggia…. Il mare è lì a pochi centimetri… tutti si preparano molto velocemente tant’è che per al prima volta in vita mia mi sono ritrovata di fronte una folla di apneisti già pronti mentre io cercavo di risolvere le ultime questioni organizzative!!
Vengo assegnata al variabile no-limits con Umberto e Mardollus!!
Oramai è tutto pronto e organizzato! Gli istruttori sono pronti sui cavi… 8 + 2 cavi di costante con un istruttore per cavo!
Tre slitte dell’assetto variabile con 4 istruttori in assistenza che si alternano!! Ce n’era per tutti i gusti! Alle 10.00 c’era già il pienone!!
Questa iniziativa è la prima nel suo genere! Tutto concentrato in un weekend… tre giorni intensi… tre giorni di emozioni piene! Di voglia di blu intenso… di discese difficili da raccontare! Di sorrisi strepitosi di allievi che in uscita dai tuffi erano davvero più ricchi di quando erano partiti!
Non nascondo una profonda emozione iniziale! Avevo il batticuore in partenza per il primo variabile! Ero davvero su di giri… ma poi appena il blu e la pressione mi hanno avvolto e mi sono ritrovata nel silenzio di un mare davvero spettacolare… tutta l’agitazione iniziale è fuggita via per lasciare spazio a quella magia…
Ad un certo punto della giornata… mi sono voluta fare un giro con la mitica slitta dei record di Umberto… La GINA!! Un po’ perché volevo salutare anche gli altri che ancora non avevo incontrato… un po’ perché facendo sempre l’istruttore sul variabile non mi sono mai goduta una discesa da allieva… insomma, ho deciso di mettermi in coda per provare una discesa a testa in su!!
E di nuovo l’emozione mi stringe il cuore…!!! Francesco (chelo) il mio istruttore di turno mi tratta come una principiante… e devo dire che mi sono sentita subito meglio!! Riccardo Mazzi mi prendeva in giro… nessuno credeva che ero emozionata… ed invece… il mitico Gianluca poi inizia a contare! Trentaaaa… ventiiii… dieci… l’emozione lascia spazio alla concentrazione e all’aspettativa…. Che decisamente viene premiata! Compensare a testa in su è davvero… molto più facile!! Talmente facile che le prime compensate mi hanno quasi fatto paura da quanto erano facili!!
Incredibile… sono arrivata a sentire il secondo termoclino… senza neanche accorgermene!! Quella slitta ha visto in questi giorni una coda di attesa di parecchi minuti… ed io posso dire di sapere perché!!! Con la “Gina” hai veramente parecchio tempo utile per realizzare quello che sta succedendo e goderti tutte le emozioni possibili!! La risalita è stata davvero dura… e chi aveva voglia di risalire!!
Verso la fine della giornata io e Marco ci siamo decisi a fare un po’ di fatica… calziamo le mono e ci godiamo questi tuffi…
Un tuffo in particolare ve lo voglio raccontare…
Decidiamo di partire assieme! Decidiamo di metterci uno da una parte e uno dall’altra parte del cavo! Durante tutta la discesa ci siamo guardati! Ragazzi che emozione…. Il movimento fluido della mono già fa molto… ma l’idea che qualcuno stesse scendendo laggiù assieme a me… mi ha fatto sentire “sicura”! non ero sola!! Non lo sono mai… ma in quel caso ancora di più!!
Era da parecchio tempo che non provavo più queste sensazioni… spesso e volentieri fare l’istruttore ti fa perdere di vista certi particolari. Ogni tanto fa decisamente bene fare l’allievo… e all’Elba… con tutti gli istruttori che c’erano avevo davvero l’imbarazzo della scelta!!!

elba 2

 

Home Chi siamoDiarioNewsRaccontiAlbumVideo

SUPERNEW ForumCorsiLinkGuestbookContattiCredits

                                                                                                    sito realizzato da: Blumood